Banner

In treno da Milano a Magenta per andare al Ticino, ma per il fiume zero collegamenti (VIDEO)




Articolo del: 29/07/2017 20:16:23

Si parla tanto di turismo nel magentino e nell'abbiatense, ma a conti fatti si fa ben poco per incoraggiarlo. Da Milano la gente arriva e non sa nemmeno cosa può trovare. Venerdì ci siamo imbattuti in Jacopo e Gaia, un ragazzo e una ragazza che hanno preso il treno da Milano, dove vivono, e sono scesi a Magenta.


Convinti di trovare qualche indicazione utile per poter raggiungere il Ticino. Invece hanno trovato il nulla totale. "Non c'è un cartello informativo, non c'è una navetta che ti porti fin quasi al fiume, non c'è niente", commentano. Le biciclette, sistemate tempo fa proprio per questo, sono praticamente inutilizzabili. E poi non ci sono informazioni su quello che c'è da vedere nel territorio. Appena si scende dalla stazione a Magenta nessuno sa di trovarsi a pochi metri da Casa Giacobbe, punto simbolo della battaglia del 4 giugno 1859. Non sa come fare ad arrivare al Naviglio Grande e magari scoprire altri tesori come le storiche ville tra Robecco e Cassinetta o la Canonica a Bernate Ticino.


E' così a Magenta ed è così ad Abbiategrasso. Si parla di turismo, ma solo a parole. Anche ad Abbiategrasso per chi arriva da Milano è dura raggiungere il Ticino. Jacopo e Gaia sono giovani e l'hanno fatta a piedi la strada. Circa sette chilometri, con il problema di attraversare anche un tratto di trafficatissima ex statale 11.



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net