Banner

L'ultimo saluto a Monica Sala, l'infermiera di Santo Stefano uccisa in Africa dalla malaria

http://www.bianews.it/img/GD3R_7087.JPG



Articolo del: 23/09/2017 19:08:28

Non c'è più spazio per le lacrime. Il messaggio di Monica Sala, l'infermiera 31enne di Santo Stefano Ticino uccisa dalla malaria in Africa è chiaro. Continuare affinchè i più deboli possano vivere. Oggi nella chiesa di Santo Stefano Ticino, piccolo comune vicino a Corbetta, c'era una folla immensa a salutarla per l'ultima volta. Anche quei ragazzi africani che lei ha aiutato.


"Monica ha dato voce a chi non ce l’ha – ha detto il fratello Samuele – ai bambini malati e denutriti. Ha girato per i villaggi, le periferie, i quartieri poveri. Monica era un profumo umile che dubitava sempre di sé stessa". Samuele, a conclusione della cerimonia, ha letto un suo scritto che ha ripercorso la breve, ma intensa vita di Monica. Dalla laurea in Reazioni Internazionali al 2014 quando si è recata nelal Sierra Leone, alla laurea in Scienze Infermieristiche fino al suo ultimo ritorno in Africa,. Prima nel Mali e poi a Freetown, ancora in Sierra Leone. Dove la malaria l'ha stroncata.


"Sempre animata dalla convinta presenza di Cristo – aggiunge – Ha servito i bambini africani sempre tenendo presente la povertà evangelica". Un ringraziamento ai genitori, mamma Aurora e papà Giovanni Alberto che l’hanno sempre sostenuta. Monica ora riposa al cimitero di Santo Stefano Ticino. Ma la sua associazione continuerà con Samuele. Lo ha ribadito lui stesso leggendo una lettera che ha strappato tante lacrime nella chiesa parrocchiale gremita. Chi volesse devolvere eventuali offerte a favore dell’associazione Monica e il suo Arcobaleno d’Amore per l’Africa potrà farlo al numero Iban IT48Jo335901600100000134101. (Foto Roberto Garavaglia)


Gra.Mas.


 



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net