Banner

Corso Italia a doppio senso di marcia da via San Carlo a viale Manzoni: al via da oggi la sperimentazione promessa da Nai




Articolo del: 19/10/2017 07:43:58

Va in scena oggi, giovedì 19 ottobre, il primo esperimento della sperimentazione viabilistica annunciata ormai un mese e mezzo fa dal sindaco Cesare Nai dopo la relativa decisione della giunta municipale di Abbiategrasso: corso Italia torna cioè ad essere percorribile in entrambi i sensi di marcia dall’incrocio con le vie Misericordia (a sinistra) e San Carlo (a destra) fino all’incrocio con viale Alessandro Manzoni (sul quale non è ancora chiaro se si dovrà obbligatoriamente svoltare a destra o se sarà possibile anche dirigersi verso piazza Vittorio Veneto).


È il tentativo della nuova giunta, insediatasi nel luglio scorso dopo la vittoria elettorale di Cesare Nai avvenuta il 25 giugno al ballottaggio, di ridare respiro al centro storico di Abbiategrasso dove, specialmente nelle mattinate del martedì e del venerdì, in concomitanza con la presenza dei banchi del mercato in corso San Martino, il traffico automobilistico risulta congestionato, con code che nell’ora di punta si protraggono anche per 20-30 minuti per percorrere poche centinaia di metri.


La soluzione vera e propria, dal punto di vista viabilistico, sarebbe in realtà quella di tornare a consentire l’uscita degli automezzi dal centro storico attraverso corso San Martino verso l’incrocio con viale Cattaneo, ma questo richiederebbe appunto un nuovo trasferimento di parte del mercato e si tratta di un soluzione che si scontrerebbe con gli interessi degli ambulanti presenti con i loro banchi in quel tratto di strada tra piazza Cinque Giornate e via Pavia.


«Sperimentazione» è comunque la parola spesa dal sindaco Nai rispetto al ripristino del doppio senso di marcia nella parte finale di corso Italia; con «l’intento di individuare la soluzione migliore e di verificare sul campo, qualora fosse necessario, il modo di correggere il tiro per favorire la fluidità del traffico nel centro storico e per ridurre drasticamente la presenza di auto in tutto il tragitto che oggi sono obbligate a percorrere da piazza Castello a corso XX Settembre».


Secondo i calcoli di Nai, che ha provato a mettersi di persona in strada per rendersi conto esattamente della situazione, la possibilità di uscita dei veicoli da corso Italia verso viale Manzoni e corso San Pietro (che nella mattinata odierna è percorribile solo fino al civico 19 causa lavori in corso di ripristino del porfido) riduce di dieci volte il loro tragitto, a sicuro beneficio della qualità dell’aria e più in generale dei tempi di percorrenza. 


Non resta che stare a vedere se nel tratto che torna ad essere percorribile nei due sensi di marcia non si andranno a palesare difficoltà e a mettere a rischio pedoni e ciclisti che, secondo un recente monitoraggio di Abbiateinbici-Fiab, fanno registrare in certe mattinate una presenza straordinaria quantificata in circa cinquemila passaggi.


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 20 ottobre nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net