Banner

Progetto Anas, Pioltini alza la voce: «Fronte del Sì indifferente alla colata di cemento in arrivo su Albairate». Robecco e Abbiategrasso: «Sono trent'anni che il traffico soffoca i nostri territori»




Articolo del: 18/12/2017 19:21:34

Giovanni Pioltini, sindaco di Albairate, torna a far sentire la sua voce a proposito di quanto accaduto  Roma in sede di Conferenza dei Servizi relativamente alla realizzazione del progetto Anas della Vigevano-Malpensa. Lo fa con parole dure che rimarcano la differenza e la distanza tra le posizioni di Vigevano-Ozzero-Abbiategrasso-Robecco-Magenta (nucleo locale favorevole all’infrastruttura) e quelle di Albairate-Cassinetta (nucleo locale nettamente contrario, che trova ora il parziale appoggio del Comune di Boffalora, favorevole a tracciato, ma contrario a sua volta al progetto Anas). 


Quest’ultimo aspetto fa dire a Pioltini che «il fronte del Sì si sta indebolendo e quello del No si sta rafforzando». Soprattutto in considerazione del fatto - sempre sottolineato dal sindaco di Albairate - che si è aggiunto il voto negativo del Comune di Milano, come anche quello della Città Metropolitana e, come è noto, dei due Parchi (Agricolo Sud Milano e del Ticino).


Ma il sindaco di Abbiategrasso, Cesare Nai, ha riferito che al Ministero, durante la Conferenza dei Servizi, è emerso che il Comune di Milano sarebbe stato invitato «per errore» (in quanto appunto nemmeno sfiorato dalla Vigevano-Boffalora-Malpensa, e così come era già capitato in passato di aver “dimenticato” di invitare al tavolo il Parco del Ticino). Senza contare che - come rimarcato proprio dai sindaci del fronte del Sì - il parere favorevole di Regione Lombardia ha, dal punto di vista dei numeri e del peso politico, assai più importanza sia del Comune di Milano, sia della Città Metropolitana, sia dei Parchi, in quanto ente che comprende e supera in sé tutti gli altri…


«Ai sindaci del SÌ non interessa nulla se sul territorio comunale di Albairate si riverserà una colata di cemento. L’unica cosa che conta per loro è vedere realizzato il Progetto ANAS “senza se e senza ma” a scapito della qualità della vita di altri cittadini, rifiutando categoricamente qualsiasi mediazione, negando a priori l’individuazione di una soluzione condivisa che permetta di distribuire in modo più equo vantaggi e svantaggi derivanti dall’infrastruttura stradale», è l’analisi del sindaco di Albairate, Giovanni Pioltini. 


Al quale però Abbiategrasso e Robecco potrebbero in sostanza rispondere - come rilevato in più occasioni ed anche in questa circostanza dai rispettivi sindaci Nai e Barni - che per il momento ad aver patito per almeno trent’anni consecutivi le conseguenze nefaste del traffico congestionato di attraversamento dei rispettivi territori comunali sono proprio loro…   


Tuttavia Pioltini prosegue: «A Roma il Comune di Albairate ha espresso con convinzione parere sfavorevole ed ha chiesto la cancellazione dell’intero Progetto Anas. È stato presentato un progetto definitivo che definitivo non è: sono disponibili 220 milioni di euro per realizzare una parte del tracciato che non è funzionale perché accentuerà solo le code verso Milano e serviranno almeno altri 200 milioni di euro per terminare un’opera che avrà le sembianze di una tangenziale». 


E aggiunge che il Fronte del No chiederà alla Corte dei Conti un parere per spreco di denaro pubblico per un’opera che non è oltremodo funzionale, rilevando che «nel corso della Conferenza, gli amministratori favorevoli si sono limitati a guardare e a fotografare il tracciato proiettato, restando indifferenti alla grande colata di cemento che accerchierà Albairate» e concludendo col rimarcare che «nessuna miglioria è stata promessa al nostro comune che ha detto No al progetto, mentre tutte le migliorie dei comuni del SI, invece, sono già state valutate da Anas e promesse da Regione Lombardia». Cosa che Pioltini giudica «una grave discriminazione che se si dovesse avverare sarà segnalata nelle sedi opportune!».


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 22 dicembre nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net