Banner

Il presepe nella Chiesa dell'Assunta incanta Magenta

http://www.bianews.it/img/GPresepe Magenta Gap.jpg



Articolo del: 22/12/2017 11:43:27

La chiamano la chiesetta dell’Assunta, quel piccolo tesoro storico artistico dedicato alla Beata Vergine Assunta che racchiude anche due tavole del Bergognone (Ambrogio da Fossano), e che dal 17 dicembre al 21 gennaio 2018 è la sede della mostra “Presepi a Magenta”.


Una mostra che accoglie un grande presepe (4 metri x 4) e 10 presepi di dimensioni più ridotte ma di bellezza sorprendente; li hanno realizzati artisti indipendenti e i presepisti, piemontesi e lombardi, del Gruppo Artistico Presepisti "Stella Cometa" (Gap) sotto l'attenta e rigorosa conduzione del maestro Mauro Signorelli di Galliate. La mostra è stata inaugurata domenica, al termine della Santa Messa in Basilica, alla presenza del sindaco Chiara Calati e con la benedizione di don Giuseppe Marinoni.


«L’ingresso è libero ma sono gradite le offerte, per contribuire a pagare le sculture realizzate appositamente da José Joaquin Pèrez, un artista spagnolo di fama internazionale» racconta Giuseppe Ceriani, intervistato in un momento di pausa mentre giovedì scorso montava, insieme a un amico, la Sacra Rappresentazione. Per realizzare le sorprendenti statue del presepe Joaquin Pèrez si è basato sulle fotografie inviategli dal GAP perché: «Il maestro Signorelli imposta la scenografia e la sceneggiatura, immagina i movimenti dei personaggi, ci fa sistemare nelle posizioni che ha ideato, scatta le foto e le invia allo scultore designato per la realizzazione».


Signorelli è considerato tra i 3 migliori presepisti italiani e con Giuseppe Ceriani, Edi Dell'agnese, Marco Beldì, Bruno Tunesi, Alfiero Cetola, Enrico Marmonti, Francesco Di Riso e Marco Mazzoni propone scenografie ricche e coinvolgenti nelle quali incastonare le sculture. In base alle esperienza e alle specializzazione, ciascuno si occupa di fondali, vegetazione, architettura delle abitazioni, luci. La mostra è allestita grazie anche al sostegno dell’amministrazione comunale e di sponsor locali, con contributi sia economici sia di materiali utili alla realizzazione: «Copriamo circa il 50% delle spese, per tutto il resto ci affidiamo alla generosità dei visitatori, che ringraziamo già da ora» sottolinea Ceriani.


L’atmosfera all’interno della chiesa dell’Assunta è magica,  tutto invita alla meditazione davanti al Bambin Gesù. Una mostra davvero da visitare e assaporare statua per statua, dettaglio per dettaglio.


Intanto anche in Spagna qualcuno si sta commuovendo davanti ai presepi realizzati da GAP… il 20 aprile scorso infatti un mecenate spagnolo Antonio Diaz, attirato da un servizio realizzato dal TG 3 Lombardia, era arrivato a Magenta per conoscere i presepisti di “Stella Cometa”. Diaz ha costruito a Mollina, vicino a Malaga, il più grande museo al mondo dedicato al presepe (2000 mq con un investimento di qualche milione di euro) e ha portato lì tredici creazioni del GAP.


Paola Mazzullo www.paolamazzullo.it


Il presepe pasquale cerca casa. La scorsa Pasqua, su idea di don Giuseppe Marinoni, il GAP realizzò, in due mesi e 1200 ore di lavoro, una rappresentazione della passione di Cristo in mezzo a orti e case della Palestina. Fu di questo presepe che si parlò al TG 3 Lombardia.


Il presepe di Pasqua è però in attesa di trovare una sua collocazione a Magenta; don Giuseppe vorrebbe esporlo permanentemente e  utilizzarlo per la catechesi.


Paola Mazzullo


 


 


 


 


 



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net