Banner

Abbiategrasso ha dato l'addio a Franco Lovati, commerciante e sportivo buono... come il pane




Articolo del: 30/12/2017 12:16:18
Se è vero, come è vero, che a Natale siamo (o cerchiamo di essere) tutti un po’ più buoni, la notizia dell’improvvisa morte di Franco Lovati proprio nel santo giorno nel quale si celebra la nascita del Bambinello che racchiude la sua natura divina dentro a quella umana facendosi uno di noi in mezzo a noi è di quelle che lasciano senza parole. Ma con un pensiero dominante: un uomo così buono (generoso, disponibile, entusiasta della vita che pure non gli ha certo risparmiato i suoi bei sacrifici) forse non poteva che andarsene proprio nel giorno nel quale ricorre questa grande “festa della bontà”.

E di Franco Lovati, che di mestiere era panettiere ed aveva iniziato l’attività di panificatore nella vicina Magenta per poi lanciare la sfida su Abbiategrasso, in via Novara, di una focacceria e pizzeria da asporto attorno alla quale seppe richiamare in poco tempo una vasta ed affezionata clientela, si può davvero dire che sia sempre stato un uomo buono... come il pane.

Lo piangono dunque i tantissimi amici di Abbiategrasso, che hanno preso parte in gran numero alle sue esequie officiate mercoledì pomeriggio, 27 dicembre scorso, nella basilica di Santa Maria Nuova. Ma anche gli sportivi sia abbiatensi che di Magenta e di Robecco sul Naviglio. Perché il Franco non si limitò, nella sua vita, a coltivare per sé la sua grande passione per il ciclismo. Viceversa, contribuì fattivamente a promuoverlo e a sostenerlo, prima fondando il GC Magenta e successivamente esportando il modello anche a Robecco e diventandone per alcuni anni il presidente.  Fu questa la ragione per cui anche qui nella sua città fu insignito, esattamente 17 anni fa (lo saranno tra un paio di mesi), il 23 febbraio 2001, di un riconoscimento ad opera della Consulta Sportiva che lo premiò - come si legge sul verbale di quella “Serata dello Sport” -«per la grande passione e l’impegno profuso in ambito sportivo».

Proverbiale anche la sua generosità (quante volte a noi del giornale fece recapitare in redazione vassoi di focaccine e pizzette in segno di amicizia!) e la sua attenzione e preoccupazione al decoro di Abbiategrasso, come ebbe a segnalarci anche poche settimane fa presentandosi nei nostri uffici. Lo ricorderemo sempre con affetto, stima e gratitudine.    

Marco Aziani ("Ordine e Libertà") - ogni venerdì nelle edicole


Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net