Banner

Luca Biagetti è il nuovo direttore commerciale del Gruppo BCS nel settore agricoltura e manutenzione del verde




Articolo del: 23/01/2018 13:57:19

«Un Gruppo in forte evoluzione, con una grande voglia di cambiamento e con idee molto chiare sulla direzione da seguire. Una realtà che vuole continuare a stare da protagonista sul mercato, con un know-how tecnologico estremamente avanzato e fortemente verticalizzata, dove entra la materia prima ed escono i prodotti finiti, pronti per essere omologati». È questo il ritratto del Gruppo BCS che emerge dal racconto di Luca Biagetti, il nuovo direttore commerciale che proprio nei giorni scorsi ha preso in mano le redini del settore agricoltura di BCS SpA.


Quarantasei anni, nativo di Fano (Pesaro Urbino), una laurea in ingegneria meccanica presso l’Università degli Studi di Ancona, con il massimo dei voti, e un MBA di 27 mesi con lode presso la SDA Bocconi di Milano, Luca Biagetti ha sviluppato un curriculum professionale di grande interesse nel settore automotive, dapprima presso FIAT Auto SpA e quindi presso Toyota Motor Italia SpA.


Dopo esser stato direttore commerciale presso una primaria azienda operante nel settore dei costruttori di rimorchi e semirimorchi, Luca Biagetti è approdato in BCS SpA, assumendo la direzione commerciale del settore agricoltura sia per l’Italia che per i mercati esteri: «Ho accolto con entusiasmo la  scelta del consigliere delegato e della proprietà di BCS SpA di unificare, nella mia persona, le politiche commerciali del Gruppo per il settore agricolo e della manutenzione del verde. – spiega Biagetti – Una scelta che si spiega con la volontà di affidare a un’unica regia l’intera politica commerciale aziendale per ottimizzare l’attività della rete vendita e coordinarne le strategie. Del resto, il Gruppo BCS è una realtà estremamente articolata, sotto la quale operano ben quattro brand con specifiche differenti e fra loro integrate: BCS che spazia dai motocoltivatori alle motofalciatrici, dai trattori alle attrezzature per fienagione; Ferrari, che copre i segmenti dei motocoltivatori, delle motofalciatrici e dei trattori; Pasquali, specializzata nei motocoltivatori e nei trattori; e Matra, che si occupa delle macchine per la manutenzione del verde. Quattro brand e una gamma completa di macchine, che intendiamo far crescere in tutti i mercati internazionali, a cominciare da quelli più evoluti».


Biagetti ha colto immediatamente il DNA del Gruppo: «Il Gruppo BCS rappresenta un’autentica eccellenza del made in Italy nell’ambito della meccanizzazione agricola – continua– La scelta di mantenere al nostro interno tutti i processi strategici della produzione ci permette di essere estremamente flessibili e performanti, così da rispondere con efficacia e efficienza alle richieste dei numerosi mercati in cui siamo presenti. Il cuore dei nostri prodotti nasce dai nostri stabilimenti: dalla componentistica meccanica ai trattamenti termici, tutto è gestito all’interno dei complessi produttivi di Abbiategrasso e Luzzara. Inoltre l’innovazione è un elemento centrale nella politica di BCS: la nostra azienda è fortemente votata all’innovazione e l’ufficio tecnico ne è per molti versi il cervello. Ho trovato una realtà estremamente dinamica e proiettata al futuro, grazie anche alla propensione per il cambiamento che si respira».


Prospettive per il prossimo futuro? «Sicuramente puntiamo a rafforzare la nostra presenza sui mercati internazionali, confermando la nostra leadership tecnologica. Ci proponiamo come partner evoluto per chi opera in agricoltura e nella manutenzione del verde, offrendo la garanzia di marchi che fondano la propria affidabilità su una lunga storia e guardano con rinnovato entusiasmo alle nuove sfide».


Redazione "Ordine e Libertà" - ogni venerdì nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net