Ordine e Libertá Infrastrutture - Strada per Malpensa, per Pioltini (Albairate) «non è ancora detta l'ultima parola». Gli fa eco Paolo Bellati (Notangenziale): «Decisione tutta politica: mobilitazione!» (VIDEO) 
Banner

Strada per Malpensa, per Pioltini (Albairate) «non è ancora detta l'ultima parola». Gli fa eco Paolo Bellati (Notangenziale): «Decisione tutta politica: mobilitazione!» (VIDEO)

http://www.bianews.it/img/Gcassiponte.JPG



Articolo del: 01/03/2018 09:54:14

Strada per Malpensa (o tangenziale che dir si voglia): non poteva certo essere azione senza reazione. Alla decisione del Cipe di ieri e alle parole del sindaco di Abbiategrasso, Cesare Nai, in rappresentanza anche dei colleghi di Vigevano, Magenta, Robecco e Ozzero, fanno eco questa mattina, giovedì 1 marzo, quelle del sindaco di Albairate, Giovanni Pioltini, affidate a un comunicato stampa diffuso poco fa.


«Non è ancora detta l’ultima parola, perché in merito al progetto ANAS della superstrada è stato seguito un iter che presenta evidenti criticità e non conformità - spiega Pioltini nella sua nota - Inoltre, la Commissione Petizione dell’Unione Europea ha diffidato l’Italia dal procedere con questo progetto. Ci sono tutti i presupposti per impugnare la delibera del CIPE, che ha dato il via libera alla realizzazione della superstrada Vigevano - Malpensa.


Siamo convinti che questa è stata una scelta politica, non tecnica - prosegue il sindaco di Albairate - Sono tanti gli interessi in gioco per realizzare una strada sovradimensionata, inutile e molto costosa che andrà a distruggere l’ultimo angolo di verde e agricolo dell’ex Provincia di Milano e senza neanche risolvere i problemi di viabilità per Milano.


La superstrada può essere ancora fermata - conclude Pioltini - a condizione che si mantenga compatto il fronte contrario che chiede una mobilità moderna, efficiente e sostenibile puntando in primis sulla riqualificazione della rete stradale esistente, nonché sul potenziamento del trasporto pubblico e della rete di piste ciclopedonali intercomunali. Un fronte contrario a nuove colate di cemento e formato da Comuni, Istituzioni, Parchi, Confederazioni agricole, associazioni e cittadini». 


Analoghe posizioni, specialmente nel rilevare la portata politica di una decisione che arriva a tre giorni dall’election day di domenica 4 marzo, le esprime anche Paolo Bellati, storico leader dei Comitati Notangenziale del territorio, nell’intervista telefonica rilasciata poco fa al nostro giornale e già pubblicata all’interno della diretta Facebook che potete seguire in coda al presente articolo.


Redazione “Ordine e Libertà” - ogni venerdì nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net