Banner

Per "Lo Sport tra passione e professione" 500 studenti del Bachelet in Fiera e una dozzina di ospiti sul palco, campioni anche di vita...

http://www.bianews.it/img/Gciarapicaok.JPG



Articolo del: 02/03/2018 13:52:08

“Lo Sport tra passione e professione” è il titolo del convegno che per tutta la mattinata di oggi, venerdì 2 marzo, ha visto oltre 500 studenti del triennio superiore dell’Istituto Bachelet di Abbiategrasso raccolti nell’auditorio del Quartiere Fiera di via Ticino per una tappa fondamentale nel percorso di alternanza scuola-lavoro che gli alunni stanno affrontando.


Tantissimi e super qualificati gli ospiti, che le ragazze e i ragazzi che affollavano il salone hanno seguito con grande attenzione per tutto il corso del Convegno: il professor Fabio Esposito, il personal trainer di grandi campioni dello sci e on solo Stefano Fumagalli, gli ex calciatori Massimiliano Caniato e Massimo Paganin,  il dirigente sportivo Riccardo Guffanti , il giornalista sportivo Roberto Ciarapica (nella foto), l’arbitro di Serie A Luca Marelli, il giornalista e regista Riccado Barlaam (padre del campionissimo di nuoto paralimpico, Simone), la campionessa paralimpica Arianna Talamona, la psicologa dello Sport Michaela Fantoni.


 «Un’occasione per i ragazzi del triennio di incontrare professionisti dello sport per avere un’idea la più chiara e la più articolata possibile di quello che sono le possibilità professionali nell’ambito delle progressioni sportive»,  spiegato nella breve intervista in diretta Facebook su bianews.it il professor Alberto Fontana, docente di Attività Motorie del Bachelet e organizzatore, con la collega Anna Musi e con la collaborazione di tanti studenti molto coinvolti nell’iniziativa, del Convegno in Fiera.


«Il nostro messaggio - ha aggiunto in conclusione la professoressa Musi - è dire ai nostri ragazzi che lo sport fa bene, in quanto serve alla  formazione della persona a 360 gradi, sia a livello fisico che psicologico, che relazionale e di organizzazione della propria vita in tutto, perché le regole dello sport sono esse stesse un monito di vita, insegnano a vivere e a organizzarsi, ad avere cura di sé nel vero senso della parola».


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 9 marzo nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net