Ordine e Libertá Elezioni - Abbiategrasso, buona affluenza alle urne e code ai seggi: "colpa" anche del bollino anti frode (VIDEO) 
Banner

Abbiategrasso, buona affluenza alle urne e code ai seggi: "colpa" anche del bollino anti frode (VIDEO)

http://www.bianews.it/img/Gcodazzeaiseggi.jpg



Articolo del: 04/03/2018 20:06:46

Abbiategrasso in anticipo di un’ora sul dato nazionale: alle 18 qui da noi c’erano seggi con il 57% di votanti già passati a fare “il loro dovere” e una media intorno al 55%, mentre il dato nazionale delle ore 19 indica, per 6.091 sezioni sulle 7.958 totali (ovvero la media relativa al 76,5% dei seggi di tutto il Paese), che si è raggiunta quota 58,79%. Un balzo in avanti clamoroso se raffrontato con il dato rilevato nel 2013, per le Politiche, alla stasa ora della domenica (46,5%, dunque stavolta + 12,29%), ma determinato in parte dal fatto che allora si votò anche di lunedì.


La notizia di questa giornata comunque, oltre a quella, confortante per la democrazia e la voglia della gente di dire la sua, dell’affluenza in crescita, destinata probabilmente ad andare ben oltre il 75 e rotti per cento di cinque anni fa, è quella delle lunghe code all’ingresso delle sezioni. Lo abbiamo constatato ad Abbiategrasso, presso la sede elettorale di viale Serafino Dell’Uomo, intorno alle 18: quasi ovunque le operazioni di voto hanno implicato per gli elettori code fino a mezz’ora, specialmente (chissà perché) per quanto riguarda le elettrici femmine, anche se in qualche caso invece gli elettori ci segnalano di aver impiegato meno di 10 minuti ad accedere alla cabina e a sbrigare la pratica del voto.


Dove comunque le cose tendenzialmente vanno per le lunghe il fatto è determinato soprattutto dalle complicazioni a carico di presidenti di seggio e scrutatori alle prese con il cosiddetto “bollino anti frode”, appendice seghettata delle schede per le elezioni dei membri della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. Tale talloncino reca un numero identificativo che il presidente di seggio o l’addetto di turno da cui delegato deve comunicare agli scrutatori affinché ne prendano nota, prima della consegna delle schede all’elettore il quale, a operazione di voto terminata, deve restituire le schede nelle mani dell’addetto che provvede a staccare i talloncini depositandoli in un apposito contenitore, prima di imbucare personalmente le tre schede nelle re urne e pronunciare la fatidica frase «il signor “Mario Rossi” ha votato» e restituirgli la sua tessera elettorale ed il suo documento di identità, finalmente congedandolo.


Ricordiamo ancora, a chi non ce l’avesse chiaro, che si voterà fino alle 23 di oggi, domenica 4 marzo, dopo di che non vi sarà più alca possibilità di esprimere il proprio voto né oggi, né domani, né mai. Subito dopo le 23, sbrigate le pratiche di chiusura delle operazioni di voto, in ciascuna sezione verrà subito iniziato lo spoglio delle schede ad opera degli scrutatori sotto la guida del presidente di seggio e con l’assistenza del segretario da lui scelto. 


Concluso lo spoglio e compilati tutti i relativi verbali, ciascuna sezione verrà chiusa mentre i plichi sigillati contenenti le schede saranno portati all’Ufficio Elettorale di piazza Vittorio Veneto dal presidente di seggio e consegnati nelle mani degli addetti al ritiro. Le sezioni riapriranno le porte domani, lunedì 5 marzo, quando alle ore 15 avrà invece inizio lo spoglio delle schede verdi relative alle elezioni regionali (che vengono celebrate solo in Lombardia e nel Lazio); i relativi esiti si conosceranno dunque, presumibilmente, intorno alle ore 18.


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 9 marzo nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net