Ordine e Libertá Pendolari - Lettera-ultimatum a Trenord: «Intervenire immediatamente a tutela dei pendolari!». Comuni di Abbiategrasso e Vigevano e Consulta Trasporti al loro fianco 
Banner

Lettera-ultimatum a Trenord: «Intervenire immediatamente a tutela dei pendolari!». Comuni di Abbiategrasso e Vigevano e Consulta Trasporti al loro fianco

http://www.bianews.it/img/Gletteratrenord.jpg



Articolo del: 05/03/2018 09:03:42

Una comunicazione ufficiale viene inviata in data odierna, lunedì 5 marzo 2018, ai vertici di Trenord ad opera dei Comuni di Vigevano e Abbiategrasso e della Consulta Intercomunale dei Trasporti riunitasi mercoledì scorso ad Abbiategrasso per nominare il nuovo presidente pro tempore, in sostituzione di Adriano Matarazzo, decaduto dalla carica in quanto non più presente all’interno dell’amministrazione comunale abbiatense, e sostituito dal neo assessore alle Attività Produttive del Comune di Abbiategrasso, Francesco Bottene, per un periodo di 6 mesi al termine del quale la presidenza passerà a un rappresentante del Comune di Vigevano.


Naturalmente lo spunto colto dagli scriventi sono i drammatici fatti dello scorso venerdì mattina, 2 marzo, ovvero lo stop in aperta campagna, tra Gaggiano e Trezzano sul Naviglio, di un treno diretto verso Milano Porta Genova dentro il quale, per un guasto ad un freno, si è sprigionato del fumo scatenando il panico tra i passeggeri stipati come sempre all’interno delle carrozze.


«Egregi Signori - scrivono i due Comuni di Abbiategrasso e Vigevano e la Consulta Intercomunale dei Trasporti ai responsabili di Trenord -  nella giornata di venerdì 2 marzo molti pendolari ci hanno segnalato una serie di disservizi ed accadimenti sulla linea ferroviaria Milano – Mortara – Alessandria decisamente preoccupanti. Più nello specifico, ci è stato segnalato che il Treno partito da Vigevano delle ore 7.37 e diretto a Milano Porta Genova si è fermato nel tratto di linea tra Gaggiano e Trezzano solo dopo l’azionamento del freno di emergenza da parte di un passeggero perché nelle ultime carrozze si era diffusa una preoccupante nube di fumo dal forte odore acre e tale da rendere l’aria delle carrozze del tutto irrespirabile, a causa di un presunto guasto ai freni che li avrebbe fatti letteralmente prendere fuoco. 


Il treno, successivamente all’intervento del personale ferroviario, è poi ripartito con oltre 60 minuti di ritardo. Di tale importante disservizio sono state pubblicate numerose immagini sui social network da parte dei pendolari a testimonianza della gravità della situazione venutasi a creare e della assoluta pericolosità per la salute e la sicurezza dei passeggeri dei convogli coinvolti. Tale situazione è inaccettabile in un paese civile.


Lo stato di degrado e scarsa manutenzione della nostra linea ferroviaria segna ogni giorno disagi sempre più importanti per un servizio per il quale da tempo si richiedono interventi risolutivi volti a garantire uno standard di servizio sufficiente e a cui inspiegabilmente non viene dato alcun riscontro. 


Il Comune di Abbiategrasso e il Comune di Vigevano, unitamente alla Consulta Intercomunale dei Trasporti, richiedono con fermezza un immediato intervento da parte della Vostra azienda per porre rimedio ad una vergognosa e ormai insostenibile situazione di disagio che i nostri concittadini che ogni giorno, per motivi di lavoro o studio, debbono quotidianamente sopportare usufruendo della nostra tratta ferroviaria».


Si attende, da parte di Trenord, innanzitutto una risposta scritta alla sollecitazione, ma soprattutto urgono segnali concreti nella direzione non più solo  auspicata, ma richiesta appunto con fermezza, e dunque sostanzialmente imposta, da coloro che rappresentano istituzionalmente il popolo dei pendolari. Pena azioni di protesta clamorose da mettere in atto ormai nel breve periodo.


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 9 marzo nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net