Ordine e Libertá Traffico - 25% in più di biciclette e 20% in meno di auto sulle strade di Abbiategrasso: il sogno di "Abbiateinbici" per collocare la città all'avanguardia in Europa 
Banner

25% in più di biciclette e 20% in meno di auto sulle strade di Abbiategrasso: il sogno di "Abbiateinbici" per collocare la città all'avanguardia in Europa

http://www.bianews.it/img/Gladonnainbici.JPG



Articolo del: 13/03/2018 08:19:46

Abbiateinbici-Fiab di Abbiategrasso lancia un appello all’amministrazione comunale per una città più a misura di mobilità dolce, nella quale sia valorizzato lo straordinario potenziale rappresentato dalla circolazione in sicurezza delle biciclette e venga posto un freno al traffico parassitario delle automobili e degli automezzi in genere.


Lo fa presentando una concreta e meditata proposta al sindaco Cesare Nai e all’assessore al Rilancio economico delle attività e delle imprese, Francesco Bottene, ai quali nei giorni scorsi, esattamente venerdì 9 marzo, l’Associazione ha inviato la sua proposta con una ricca documentazione che comprende uno stralcio della Legge 11 gennaio 2018 n. 2 contenente le “Disposizioni per lo sviluppo della mobilità in bicicletta e la realizzazione della rete nazionale di percorribilità ciclistica”.


«Abbiamo un sogno - annuncia Abbiateinbici Fiab in estrema sintesi - Ciclisti +25%, auto -20%, la dieta del traffico per una città più a misura di persone». In che cosa consiste il “sogno” e da dove prende spunto è descritto nella relazione presentata a sindaco e assessore: «Negli stessi giorni in cui è entrata in vigore la legge 11 gennaio 2018, la nostra amministrazione comunale si è mossa in direzione opposta deliberando in via definitiva il doppio senso di circolazione sul ponte di San Pietro. A questa scelta viabilistica, che rende un po' più scorrevole il traffico, ma al contempo penalizza e scoraggia il movimento attivo di ciclisti e pedoni, ha fatto immediatamente seguito un aumento significativo del numero di automobili in transito nel centro storico, un risultato in netto contrasto con lo spirito della legge che fornisce nuovi strumenti per costruire la città sostenibile agevolando la mobilità lenta».


Dall’analisi della situazione contingente, a quella dei dati che l’Associazione ha sempre sott’occhio: «Come noi di FIAB-Abbiateinbici abbiamo più volte dimostrato, oltre il 20% dei cittadini di Abbiategrasso si muove abitualmente in bici e la nostra città è quindi molto prossima al traguardo virtuoso già raggiunto da 167 città europee nelle quali il 25% dei cittadini si sposta in bicicletta. Per conseguire questo obiettivo, l'European Cyclists' Federation (ECF) sollecita strategie per incrementare l'uso della bici in ambito urbano quali, ad esempio, interventi di moderazione del traffico e della velocità realizzando aree pedonali diffuse, zone a traffico limitato e zone 30, e suggerisce di dedicare alla ciclabilità il 10% del budget per i trasporti».


Considerazioni che sfociano in un invito e in un incitamento a vivere questa situazione come un’opportunità per la città e per la sua immagine da promuovere su vasta scala: «Dunque - conclude Abbiateinbici - Abbiategrasso potrebbe con poca fatica collocarsi all'avanguardia in Europa per la mobilità ciclistica: per la nostra città sarebbe una grande occasione di pubblicità internazionale a costo zero che ci darebbe visibilità in tutta l'UE, e un'operazione di marketing ad ampio raggio con una significativa ricaduta economica dai cicloturisti sollecitati a regalarsi un tour culturale alla scoperta del nostro affascinante territorio».


Redazione “Ordine e Libertà” - servizio sull’edizione da venerdì 16 marzo nelle edicole


 



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net