Banner

Sos di un cittadino da via Pellico: «Una montagna di scarichi fognari davanti a casa da dieci giorni»

http://www.bianews.it/img/Gcumulodimelma.jpg



Articolo del: 10/04/2018 09:52:53

«Come tutti gli anni  rinnovo  l'invio di fotografie riguardanti il solito cumulo di m....elma  davanti a casa». Ce lo scrive un lettore di Abbiategrasso, residente in via Silvio Pellico, quella famosa per gli allagamenti che periodicamente, in caso di violenti acquazzoni e a causa di problemi mai risolti del tutto di pendenze e contropendenze e di carichi fognari esagerati rispetto alle dimensioni delle condutture, la trasformano in per alcune ore e a volte per più giorni in una langa alluvionata. 


Questa volta il problema non sono i potenti scrosci che fanno saltare i chiusini della via e allagare gli scantinati e i box. Bensì, appunto, il cumulo di residui di scarichi fognari derivanti dalle operazioni di spurgo periodico effettuate dalla ditta addetta ai lavori per conto del Comune.


«Il problema non è che fanno la pulizia  - scrive il cittadino nella sua lettera al giornale - ma come e quando: innanzi tutto , sarà un caso, succede sempre alla vigilia delle festività di Pasqua o di Natale (come era capitato l'anno scorso). E poi te la lasciano lì davanti a casa per più di un mese (così fu appunto l’ultima volta); mentre quest’anno sono già trascorsi dieci giorni (dal 31 marzo, data di effettuazione dell’intervento, a oggi, 10 aprile) e di ritiro della me…lma accumulata sull’aiuola in mezzo alle nostre case non c’è nemmeno l’ombra: zero».



... justify;">Il nostro lettore aggiunge che il Comune, al quale si è rivolto per segnalare il disagio, ha risposto sì, ma per lui in modo non soddisfacente: «Si limitano a dire che dalla fine della scorsa settimana è in corso la pulizia dello scarico della roggia, necessaria prima che venga ripristinata l’immissione delle acque, previsto nel corso di questa settimana, dopo il periodo di asciutta. Come certamente comprenderà - conclude la nota del Comune - le operazioni di pulizia sono doverose e necessarie; ci scusiamo per gli inconvenienti che ne possono derivare».


Ma il cittadino che ha sollevato la questione si dice tutt’altro che soddisfatto: «La scusa è sempre quella - commenta - quando finiscono il giro  passano a ritirare, ma quando finiscono il giro???  Il 38 luglio?Intanto la montagna  fa la sua bella figura e quando i cittadini cominceranno a mettere anche “munnezza” autoprodotta... i topi  (diciamo ratti) ringrazieranno».


Non resta che vedere se la segnalazione che il cittadino residente in via Pellico che ci ha scritto ha voluto rendere pubblica produrrà a sua volta, come spesso accade, una accelerazione dell’intervento necessario di rimozione del cumulo maleodorante dalla vista di quanti abitano in quella zona e di tutti coloro che vi transitano ogni giorno.


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 13 aprile nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net