Ordine e Libertá Sanità - Guardia medica, all'ospedale Cantù un biglietto sulla porta per avvisare che l'Ambulatorio non è attivo. La protesta di Tarantola ("Ricominciamo Insieme") che invita il sindaco Nai a fare qualcosa 
Banner

Guardia medica, all'ospedale Cantù un biglietto sulla porta per avvisare che l'Ambulatorio non è attivo. La protesta di Tarantola ("Ricominciamo Insieme") che invita il sindaco Nai a fare qualcosa

http://www.bianews.it/img/Gcodicibianchi.jpg



Articolo del: 24/04/2018 08:00:38

La segnalazione al nostro giornale “Ordine e Libertà” è arrivata giorni fa da una lettrice che non ha certo problema a svelare le proprie generalità: si chiama Katia De Gironimo e il suo nome e cognome figurava tra quelli dei candidati nella lista civica “Ricominciamo Insieme” che ha portato all’elezione in Consiglio comunale, l’estate scorsa, del suo leader Luigi Alberto Tarantola.


Una segnalazione di grave disservizio che viene ancora una volta a porre seri interrogativi sul rapporto tra Sanità pubblica e città di Abbiategrasso, ovvero quella della chiusura dell’Ambulatorio Codici Bianchi e Continuità Assistenziale presso l’ospedale Costantino Cantù, altrimenti noto, nel gergo popolare, come “guardia medica”.


Prontamente, la notizia posta alla ribalta della rete dalla nostra lettrice ed ex candidata della lista civica “Ricominciamo Insieme” viene ripresa dal capogruppo consiliare della stessa lista con una nota inviata ieri ai giornali:  «Da settimane l'ambulatorio codici bianchi e di continuità assistenziale di Abbiategrasso non è in servizio - dichiara appunto Luigi Alberto Tarantola -  Ecco un altro esempio di cattiva sanità a scapito dei cittadini che in caso di necessità sono costretti ad andare altrove». 


Il consigliere di opposizione rivolge dunque un pubblico ed esplicito appello al sindaco Cesare Nai: «Il primo cittadino di Abbiategrasso si dovrebbe attivare per farsi portavoce della sua città presso Regione Lombardia, contattando quello che lui ha definito un “amico”, ovvero l'assessore alla Sanità Giulio Gallera, e chiedendo che vengano garantiti almeno i livelli minimi di assistenza». 


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 27 aprile nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net