Ordine e Libertá Pendolari - «Salviamo la biglietteria della stazione!», l'appello all'amministrazione comunale dalla lista civica Abbiategrasso Bene Comune 
Banner

«Salviamo la biglietteria della stazione!», l'appello all'amministrazione comunale dalla lista civica Abbiategrasso Bene Comune

http://www.bianews.it/img/Gbigietteriaciao.JPG



Articolo del: 05/06/2018 08:39:03

Un appello a Trenord, ma soprattutto al sindaco di Abbiategrasso, Cesare Nai, e all’assessore comunale e presidente della Consulta Intercomunale per i Trasporti, Francesco Bottene. Lo lancia, con una breve nota inviata questa mattina ai giornali, la lista civica “Abbiategrasso Bene Comune” che alle elezioni dello scorso anno sostenne la candidatura di Domenuco Finiguerra, a proposito della necessità di opporsi alla più che paventata chiusura della biglietteria della stazione ferroviaria di Abbiategrasso.


«Era il lontano 15 settembre 2015 - scrive Andrea Zorza a nome della lista civica della quale è referente - Una mattina come molte altre alla stazione di Abbiategrasso, con i numerosissimi studenti e lavoratori a dover fare i conti con i soliti disservizi e ritardi della famigerata linea Milano-Mortara. Una mattina come molte altre, se non per un fatto che catturò subito l’attenzione dei pendolari: la biglietteria chiusa senza alcuna giustificazione.


In realtà, il personale di servizio presente in stazione, per arginare l’indignazione dei presenti spiegava che nelle intenzioni di Trenord ci sarebbe stata (notizia all’epoca ufficiosa) l’intenzione di chiudere per sempre la biglietteria “poiché priva di utilità commerciale”.


Oggi, a distanza di quasi 3 anni e dopo averla trovata chiusa in altre circostanze, apprendiamo la volontà di Trenord di passare ai fatti. Una sorte che non toccherà alla sola biglietteria della stazione di Abbiategrasso, ma anche a quelle di Bollate, Canegrate, Novate Milanese, Parabiago e Vanzago.


Dunque, come se non bastassero ritardi, cancellazioni e disagi di ogni genere, si aggiungerebbe un ulteriore taglio ai servizi offerti da Trenord, con tutti i problemi che si accumulerebbero nel caso in cui la biglietteria automatica fosse guasta.


Chiediamo dunque al Sindaco Nai, al vicesindaco Albetti e al Presidente della Consulta Intercomunale dei Trasporti Bottene - conclude Zorza - di vigilare su questa ventilata decisione di Trenord e di opporsi, con ogni mezzo a loro disposizione, a questo sciagurato progetto che renderà ancora più problematica la vita dei nostri pendolari».


Ordine e Libertà (ogni venerdì nelle edicole)



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net