Banner

Per stigmatizzare il comportamento di Tagliabue interviene anche l'onorevole Carinelli: «Sindaco e consiglieri prendano provvedimenti!» (VIDEO)

http://www.bianews.it/img/Gabbarby.jpg



Articolo del: 01/12/2018 11:07:17

Sulla vicenda dell’insulto del presidente del Consiglio comunale Marcantonio Tagliabue, nel corso della seduta di giovedì sera, alla consigliera De Angeli invitata a dimettersi «se non ha tempo», dal momento che «nessuno la obbliga a fare politica», è intervenuta con un post su Facebook l’onorevole Paola Carinelli del M5S, già capogruppo alla Camera, membro del Collegio dei Probiviri del Movimento e da maggio a sua volta mamma.


«Da mamma e donna che fa politica trovo che quanto è accaduto a Barbara è di una gravità inaudita  e offensivo per ogni donna e per ogni uomo che lavora con passione e dedizione - ha scritto la Carinelli - In questi giorni in cui ovunque ci si riempie la bocca per tutelare le donne dalla violenza, queste parole risuonano di una incredibile violenza sessista. Ad ogni elezione, ad ogni festa della donna, ad ogni occasione utile ci si riempie la bocca delle difficoltà delle donne di ricoprire ruoli politici, manageriali, dirigenziali. E la risposta arriva dalle parole pronunciate da quest’uomo che dall’alto del suo scranno di presidente del consiglio comunale ritiene, appunto, che quel ruolo deve essere riservato agli uomini…che hanno sicuramente più tempo per svolgere queste mansioni, potendo delegare alle donne i ruoli di custodi della famiglia. 


Non sono parole inaspettate purtroppo, sono le parole...


... che forse tanti uomini vorrebbero pronunciare ma in un clima di politically correct si guardano bene dal farlo. Ma basta un momento di rabbia ed ecco che vien fuori la vera anima, il vero pensiero che accomuna tanti uomini (per fortuna non tutti).»


Nella sua riflessione, l’onorevole 5Stelle si rivolge anche apertamente a Cesare Nai e a tutti quanti siedono in Consiglio: «Mi appello ai consiglieri comunali di Abbiategrasso e al sindaco, che immagino siano rimasti contrariati dalle odiose parole del presidente Tagliabue, mi appello al vostro buon senso, alla vostra dignità, affinché prendiate ogni provvedimento che è in vostro potere per sanzionare chi per il suo ruolo di presidente del consiglio comunale dovrebbe garantire l’istituzione che rappresentate e invece la offende e la disonora».


Infine, la solidarietà e l’incoraggiamento alla consigliera M5S, ma anche a tutte le donne impegnate attivamente per il bene comune:  «A tutte le donne che come Barbara fanno i salti mortali per far quadrare famiglia, lavoro e passione politica; a tutte le donne che come Barbara fanno mestieri fino a poco tempo fa considerati da uomini, va tutta la mia solidarietà e la mia stima.  Non mollate, siate più forti anche dei pregiudizi».


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 7 dicembre nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net