Banner

Dopo Tarantola e De Angeli parla Pusterla: battaglia ancora lunga per l'ospedale. Serve compattezza, non caccia a facili consensi

http://www.bianews.it/img/Galmiche.jpg



Articolo del: 10/04/2019 19:38:09

«La battaglia è ancora lunga e deve vedere compatte tutte le componenti sociali e politiche del nostro territorio. Le differenziazioni politiche locali per raccattare su questo tema qualche consenso non interessano a nessuno».  Lo scrive, in una nota inviata poco fa alla stampa, Michele Pusterla, capogruppo della lista civica “Abbiategrasso Merita”, chiaramente riferendosi a quanto oggi dichiarato dai consiglieri di opposizione Luigi Alberto Tarantola e Barbara De Angeli nel comunicato stampa odierno ripreso anche dalla nostra testata.


Portando dunque l’attenzione nel merito di quanto accaduto oggi in Regione, all’audizione alla quale anch’egli era presente,  Pusterla riferisce che «l’esposizione complessiva da parte dei rappresentanti della Consulta, specificatamente del sindaco Cesare Nai, del sindaco di Morimondo Marco Marelli, di Enrica Galeazzi per il Movimento dei diritti del Malato e del consigliere comunale Domenico Finiguerra, è stata completa ed ha ben rappresentato le motivazioni e lo stato d’animo della popolazione dell’Abbiatense in merito alla problematica sia del Pronto soccorso chiuso di notte che dell’ospedale nel suo complesso».


Pusterla aggiunge che «sono seguiti poi interventi di alcuni commissari regionali (Elisabetta Strada, Luca Del Gobbo, Carlo Borghetti, Consolato Mammì), i quali nei rimanenti venti minuti hanno, seppur con diversi punti di vista, esternato l’appoggio a questa iniziativa così come al potenziamento dei servizi ospedalieri e si sono dimostrati disponibili ad appoggiare successive iniziative». 


In conclusione, il capogruppo di “Abbiategrasso Merita” tiene ad esprimere la disponibilità della sua lista «a lavorare con tutti per il bene del nostro territorio» in quanto «da sempre convinti che congiuntamente alle rivendicazioni per il Pronto soccorso vada tenuto alto il tiro sulla richiesta di mantenere e potenziare Reparti e Servizi ospedalieri». Inoltre, a giudizio di Pusterla e dei suoi, «questa battaglia deve essere portata avanti sia su tutti i tavoli dove è possibile incidere sulle decisioni inerenti l’ospedale, così come si era fatto in occasione della realizzazione del Pronto soccorso, sia attraverso la voce della gente del territorio che vive quotidianamente la realtà del “Costantino Cantù”». 


Da ultimo, l’invito esteso «a tutta la popolazione dell’Abbiatense» perché partecipi «alla manifestazione del 7 maggio davanti alla sede della Regione, in quanto pensiamo che solo operando insieme cittadini, componente sociale e componente politica, si possa  far capire ai rappresentanti regionali che la scelta di mantenere e potenziare l’ospedale di Abbiategrasso è una esigenza reale della gente del territorio e non una pratica da affrontare come tutte le altre».


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 12 parole nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net