Banner

Auto in divieto di sosta sui marciapiedi: la tolleranza zero cominci dai social

http://www.bianews.it/img/Gallesostevietate.jpg



Articolo del: 07/05/2019 07:45:50

"Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire", recita il proverbio. E i primi a non volerne sapere di cambiare metodi e atteggiamento sono gli automobilisti che in ogni zona dellla città di Abbiategrasso (e soprattutto nel centro storico) e ad ogni ora del giorno e della sera non si fanno scrupolo di violare i divieti di sosta e perfino di invadere con le loro macchine i marciapiedi o le poche e malnesse piste ciclabili.


La fotografia che pubblichiamo offre due esempi tra i tanti: a sinistra un fotogramma di un'immagine scattata ieri intorno alle 20 in via  Palestro (quella dove notoriamente ogni giorno il lato opposto a quello che costeggia il giardino di Villa Sanchioli viene utilizzato come area di parcheggio da avventori di locali e negozi nonché dagli ineffabili genitori degli alunni della vicina scuola media Carducci); a destra, un paio d'ore prima, l'immancabile sosta vietata in corso Matteotti già segnalata con un post nella giornata di sabato con riferimento alla lunga coda di mezzi fuorilegge immortalata venerdì mattina.


Un'altra fotografia significativa l'abbiamo potuta scattare sempre sabato, nel pomeriggio: tre macchine una dietro l'altra piazzate sulla curva di via Pavia verso il semaforo che regola l'incrocio con viale Cattaneo, tutt'e tre sistemate nella corsia riservata alle biciclette, imitate una venina di metri più avanti da un furgone per il rifornimento a qualche negozio.


Visto dunque che gli utenti motorizzati della strada non ci sentono e che sembrano poco interessati all'ascolto dei continui appelli a far rispettare le regole anche gli addetti al controllo, sollecitiamo da queste pagine l'Assessorato alla Viabilità e alla Sicurezza a farsi carico in modo massiccio e costante del problema in esame. 


L'invito a tutti i nostri lettori e a chi ci segue sui social è quello di scattare una fotografia ogni volta che ci si imbatte in questo genere di problemi, ovvero ogni volta che si nota un assembramento di macchine in sosta vietata, e di inviarle alla pagina facebook del giornale oppure via whatsapp al numero della redazione (3396369925): la Libertà darà massima visibilità a questo "fenomeno" e chiederà incessantemente all'assessore competente, Alberto Bernacchi, e al sindaco Cesare Nai di farsene carico una volta per tutte.


Marco Aziani ("Ordine e Libertà") - servizio sull'edizione da venerdì 10 maggio nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net