Banner

Lite tra cugini al quartiere Folletta: tra le urla spunta un machete, un ferito all'Humanitas, tutti a piede libero

http://www.bianews.it/img/Galmach.jpg



Articolo del: 10/09/2019 07:35:31

Una lite molto violenta è andata in scena nella tarda serata di sabato in un condominio di via della Folletta ad Abbiategrasso. Qui due cugini originari del Salvador hanno raggiunto un amico, italiano, che avrebbe dovuto essere ai domiciliari ma che, noncurante della prescrizione,  è  comunque sceso in cortile per bersi qualcosa con loro. 


Ad un certo punto -  mentre il terzetto stava tirando tardi tra una birra e l’altra -  ha fatto irruzione un 46enne, fratello di uno dei due salvadoregni e cugino dell’altro. Si è presentato con una falce che, stando al racconto dei testimoni visto il mancato ritrovamento dell’arma, aveva una lama lunga 40 centimetri, e in preda ai fumi dell’alcol ha iniziato ad inveire contro il fratello, 31enne, cercando di colpirlo, un po’ a casaccio, in vari punti del corpo. 


Anche il cugino che si è messo in mezzo per dividere i due ha rimediato qualche ferita, per fortuna non grave, finché quest’ultimo, che fino a quel momento aveva fatto da paciere per separare i due fratelli, non ha colpito il maggiore con un cazzotto, mandandolo ko.


Risultato, i soccorritori dell’ambulanza hanno portato  lo stesso 46enne, venuto ad attaccar briga, all’Humanitas (dove si trova tuttora ricoverato, non in pericolo di vita), mentre i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Abbiategrasso hanno disposto il fermo sia per l’aggressore, sia per il cugino che lo ha mandato al tappeto.


Il giudice, in fase di direttissima, li ha però scarcerati entrambi. Chi invece non potrà stare più a piede libero è il “padrone di casa” che si è beccato una bella denuncia per la violazione degli arresti domiciliari (anche se si trovava nel cortile della sua abitazione).


Panico e incredulità si sono rapidamente diffusi tra i vicini, allarmati dalle urla prolungate e dall’azione repentina. Sono stati loro infatti a chiedere l’intervento dell’ambulanza  e dei carabinieri, mettendo quindi le forze dell’ordine in condizione di arrivare in tempo. Prima che quindi la situazione potesse precipitare del tutto.


Redazione Ordine e Libertà - in edicola da venerdì 13 settembre



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net