Banner

Pedone 64enne investito in viale Dell'Uomo, l'automobilista: «Non l'ho visto, ho solo sentito un colpo nella carrozzeria»

http://www.bianews.it/img/Galbuissimo.jpg



Articolo del: 07/11/2019 08:05:43

È stato trasportato con l'ambulanza in codice giallo e ricoverato al Fornaroli di Magenta l'uomo di 64 anni che ieri sera, mercoledì 6 novembre, poco prima delle 19.30, è stato investito da una macchina in viale Serafino Dell'Uomo, non lontano dalle strisce pedonali a cinquanta metri dal piazzale dell'ospedale.


Da principio le sue condizioni erano parse più preoccupanti e l'allarme scattato lo dava inizialmente in codice rosso, ragione per cui oltre all'equipaggio della Croce Azzurra è giunta sul posto anche un'auto-medica: dopo l'urto infatti l'uomo, che ha sbattuto la testa contro il parabrezza che si è di conseguenza incrinato nella parte inferiore destra, è ruzzolato sul marciapiedi dove sono rimaste evidenti tracce di sangue. Soccorso sul posto, mentre i carabinierisi occupavano dei rilievi dell'incidente e della viabilità, è stato trasferito in ambulanza neanche mezz'ora più tardi.


«Non l'ho proprio visto, anche se andavo piano come è normale fare su questa strada e guardavo regolramente davanti a me - ha detto il conducente dell'auto, un abbiatense non ancora cinquantenne che viaggiava in direzione piazza Cavour - Ho solo sentito come un colpo nella portiera, al che mi sono subito fermato...».


Implicita la constatazione, ben evidenziata anche dalla foto che pubblichiamo, dell'illuminazione carente in quel tratto di strada: il punto esatto nel quale il pedone è stato urtato è infatti vicino al marciapiedi, dove la luce dei lampioni non arriva perché oscurata dalla presenza delle chiome degli alberi non ancora spogli. Il passaggio pedonale risulta dunque ben illuminato, ma pochi passi più in là il buio regna sovrano, così come succede anche in diversi altri punti lungo la cerchia dei bastioni.


Marco Aziani ("Ordine e Libertà") - servizio sull'edizione da venerdì 8 novembre nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net