Banner

Anche Tarantola e "Ricominciamo Insieme" al fianco di "Abbiategrasso che vorrei" che prepara la manifestazione del 14 dicembre contro il Parco Commerciale

http://www.bianews.it/img/Galllaparcococo.jpg



Articolo del: 02/12/2019 16:06:37

Mentre prosegue la raccolta firme promossa dal Comitato “Abbiategrasso che vorrei”  per dire no all’ipotesi di Parco Commerciale che i proprietari dei rispettivi terreni vorrebbero realizzare all’interno dell’Ambito di Trasformazione S2 tra viale Paolo VI e viale Giotto, e si intensificano i preparativi in vista della manifestazione cittadina indetta per sabato 14 dicembre, con concentramento in piazza Castello e attraversamento della città in corteo, anche il capogruppo della lista civica di opposizione “Ricominciamo Insieme”, Luigi Tarantola (nel riquadro), parte all’attacco della giunta Nai e si schiera apertamente con il Comitato.


«Ancora una volta, il sindaco di Abbiategrasso Cesare Nai e i componenti della sua giunta hanno dimostrato di non essere all’altezza della situazione, gestendo nel peggiore dei modi possibili la vicenda del progetto ATS2, il parco commerciale che incombe sul futuro della città - afferma Tarantola a nome di “Ricominciamo Insieme” che, essendo contraria al parco commerciale, sostiene la raccolta firme di iniziativa popolare per fermare il progetto e la proposta di referendum consultivo - Sarebbe utile per tutti, partendo dal basso, come si sta facendo con la petizione, promuovere un dialogo serrato e costruttivo tra le parti, allo scopo di trovare in modo democratico le soluzioni che meglio possano rispondere...


... alle istanze dei cittadini, ai bisogni reali del territorio – prosegue Tarantola – Il mega parco commerciale di certo non è l’eredità migliore da lasciare alle future generazioni. Ci sono scelte troppo importanti per il futuro della città che non possono essere affrontate con la sterile politica del muro contro muro».


In conclusione della sua nota inviata alla stampa, l’ex sindaco di Albairate e candidato sindaco di Abbiategrasso esprime «l’augurio che prevalga la ragionevolezza, la capacità di sedersi attorno a un tavolo, azzerare tutto e valutare insieme con un’ottica territoriale che cosa sarebbe più utile e possibile realizzare in loco, come (solo per fare qualche esempio) la creazione di un polo medico e scientifico da collegare ai siti di eccellenza della metropoli milanese oppure un moderno campus universitario o un innovativo polo tecnologico o ancora una cittadella dello sport comprensiva di piscina all’altezza di una città come Abbiategrasso».


Per affermare una volta di più che «una nuova colata di cemento, ferro e vetro per costruire un enorme parco commerciale non può essere l’unica soluzione possibile».


Marco Aziani ("Ordine e Libertà") - servizio sull'edizione da venerdì 6 dicembre nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net