Banner

I cinquanta caffè che non abbiamo potuto consumare al bar diventano un tesoretto di 10 mila euro per l'Hospice. Con il tuo aiuto. Ecco come

http://www.bianews.it/img/Galhospicecaffe.jpg



Articolo del: 24/04/2020 16:32:20

Cinquanta caffè, per la stragrande maggioranza degli abituali clienti dei tanti bar di Abbiategrasso, sono grossomodo quelli che non si è potuto consumare negli ultimi due mesi, da quando tutta Italia è dentata Zona Rossa e negozi ed esercizi commerciali, salvo pochissime eccezioni, hanno dovuto abbassare le saracinesche.
Nel frattempo, l’Hospice di via dei Mille ha lanciato una campagna per chiedere aiuti straordinari ala gente di questa città e del territorio: gli servono 30 mila euro per far fronte ai bisogni derivanti dalle sue nuove attività, illustrate in modo eccellente sulla Libertà di oggi, a pagina 3, dalla dottoressa Clarissa Florian, che sta vivendo in prima persona un’esperienza a dir poco straordinaria.
Quei caffè non consumati al bar possono essere offerti all’Hospice: è la sfida che il giornale Libertà (e il suo portale online bianews.it, e la sua pagina Facebook @ordineliberta) lancia in collaborazione con una decina di bar, per iniziare (nulla vieta che se ne aggiungano altri che potreste essere proprio voi lettori a coinvolgere).
La volontà è quella di fare del bene tramutando la privazione in generosità. In concreto: ai clienti dei bar qui di seguito elencati chiediamo di destinare 50 euro all’Hospice , cioè quella somma che l’emergenza ci ha “costretti” a risparmiare in questo tempo; in cambio, chi lo fa, alla riapertura avrà un caffè offerto da quello steso bar, il “suo”.
È possibile scegliere tra: Bar Piccadilly (3479137578), Casa del Caffè (3467893964), Caffetteria Mademoiiselle (3391727854), Aroma Caffè (3494421938), El Tabaché (3381003096), Bar Castello (3487130287), Locale 21 (3407555620), Tabaccheria Colombo (3277941986), Gelato e Caffè (0297164882), Eden Bar (3391545516).
Come fare a partecipare sostenendo l’iniziativa? È semplice: per prima cosa, comunicare con un whatsapp al nostro bar preferito la decisione di dare ii proprio contribuito; seconda cosa, effettuare iil versamento di 50 euro all’Hospice, sia con un bonifico bancario a favore dell’Associazione Amici dell’Hospice servendosi dell’Iban IT 48 Z 03111 32380 000000001803, sia in alternativa aderendo al gofundme attraverso il link www.gofundme.com/f/un-medico-palliativista-aiuta-1039ospedale-magenta; terzo passaggio, conservare la ricevuta da presentare al bar per ricevere in omaggio il caffè della gratitudine. Ne abbiamo tutti tanto bisogno…
Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da giovedì 30 aprile nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net