Banner

Fase 2, sanzioni da 280 a 600 euro per chi non indossa la mascherina o non si copre naso e bocca: in Lombardia l'obbligo è assoluto

http://www.bianews.it/img/Galtavan.jpg



Articolo del: 11/05/2020 08:33:11

Con la Fase 2, che oggi, lunedì 11 maggio, compie una settimana, abbiamo visto inevitabilmente e giustamente più  movimento di gente per le strade di Abbiategrasso, favorito tra le altre cose dal ritorno del mercato (il martedì e il venerdì con 25 banchi di soli generi alimentari in una metà di piazza Samek molto ben organizzata e sorvegliata), dall’apertura dei bar (con un servizio da asporto sul cale ci sarebbe molto da dire, come faremo in un apposito intervento) e da quella di altri negozi, come ad esempio le pasticcerie (che ieri, per la Festa della Mamma, sono diventate punti di richiamo per tante e tante persone che si sono disposte ordinatamente e pazientemente in fila per ritirare i dolci prenotati).
Aggiungiamo che, con le belle giornate e la liberalizzazione delle attività sportive individuali, il richiamo dei percorsi classici per gli amanti della camminata e della pedalata si è fatto sentire più che mai: così ieri mattina lungo il Canale Scolmatore si è subito rischiato l’assembramento e lungo le alzaie dei Navigli, formalmente chiuse con tanto di transenne simbolicamente piazzate dal Comune di Abbiategrasso ai loro ingressi, un bel po’ di gente si è inoltrata comunque, ben sapendo che nessuno si sarebbe sognato di arrivare a reprimere con sanzioni la loro attività.
Una delle cose che risultano francamente inspiegabili, invece, è la decisione di taluni di non indossare la mascherina, come abbiamo visto e fotografato ad esempio venerdì mattina proprio dalle parti del mercato di Abbiategrasso. Forse vale la pena ricordare che in Lombardia, durante la Fase 2, la mascherina va indossata per legge in qualunque luogo aperto al pubblico, oltre che sui mezzi di trasporto pubblici e in tutti i punti di vendita, sia al chiuso che all’aperto.
Per i trasgressori sono previste sanzioni amministrative importanti, che vanno dai 280€ fino a circa 600 €. Nello specifico: 400 euro se si paga entro 60 giorni dalla notifica del verbale; 280 euro se si paga entro 5 giorni.
L’importo delle multe lievita nel caso in cui l’infrazione venga commessa in certi luoghi particolari, come ad esempio su un veicolo pubblico o privato ad uso pubblico, come l’autobus, il treno o anche il taxi:  533,33 euro per chi paga entro 60 giorni dalla notifica e 373,34 euro se si paga entro 5 giorni.
Vale la pena ricordare anche che la Lombardia è stata la prima a rendere obbligatorio l’uso del dispositivo per qualsiasi allontanamento dalla propria abitazione, perché il contagio è circolato in maniera più insistente e pericolosa rispetto ad altre zone.
Ricordiamo da ultimo che sono ammessi anche semplicemente un foulard o una sciarpa che coprano in modo ermetico naso e bocca e che la funzione di tale protezione individuale è prima di tutto quella di evitare che siamo noi (qualora malauguratamente infetti asintomatici) a propagare il virus andando a contagiare involontariamente e inconsapevolmente altre persone che incontriamo casualmente per strada o in qualunque alte ambiente.


Pertanto, anche se non arrivano gli agenti o i militari a sanzionare chi non indossa la mascherina, ci sta perfettamente che chiunque di noi, pur con le buone maniere, faccia presente a chi non la indossa che il suo comportamento è sbagliato e gli chieda di provvedere immediatamente a coprirsi naso e bocca, se non vuole che si facciano intervenire le forze dell’ordine per sanzionarlo.
Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 15 maggio nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net