Banner

Milano-Mortara, per oggi Trenord dimezza i treni, per i posti in carrozza domani si vedrà: il DPCM ne prevede il 50%, ferma i negozi e grazia i parrucchieri

http://www.bianews.it/img/Gplolop.jpg



Articolo del: 04/11/2020 08:41:05

Prima del dimezzamento dei posti a sedere consentiti sui mezzi di trasporto pubblico, annunciato a partire da domani, giovedì 5 novembre, nelle Zone Rosse, per oggi Trenord si porta avanti dimezzando le corse dei treni. È la battutaccia che circola tra i pendolari della Milano-Mortara questa mattina, dopo che la stessa Trenord ha comunicato, tramite la sua applicazione, che «un guasto al passaggio a livello di Sartirana Lomellina sta rallentando la circolazione dei treni che viaggiano con ritardi di 60 minuti», motivo per cui sono «previste cancellazioni e limitazioni di percorso».


La notizia era stata data da Trenord alle 6.34 di questa mattina, mercoledì 4 novembre, e il primo effetto è stato quello della cancellazione del treno che normalmente partirebbe da Abbiategrasso alle 7.15, diretto a Milano Porta Genova: «Per gli altri - hanno commentato i pendolari abbiatensi sulla nostra chat - un’ora di ritardo generica. Morale: il primo che passa, prendilo!».


Ricordiamo intanto che il nuovo DPCM per porre un freno al diffondersi del Coronavirus ha visto la luce nella notte e indica appunto, a partire da domani, 5 novembre, tra le varie limitazioni previste per le Zone Rosse (come al novanta per cento sarà purtroppo l’intera Lombardia), il dimezzamento dei posti disponibili (cioè utilizzabili) sui mezzi pubblici.


DPCM sul quale peraltro si sta scatenando in queste ore il bailamme delle interpretazioni per quanto concerne molti servizi particolari (massofisioterapisti e nutrizionisti, per citarne due a caso tra i tanti), mentre la sorpresa è che, anche qualora si dovessero fermare tutti i negozi, resteranno comune aperti i parrucchieri. Buon per loro dunque (proprio ieri sera il titolare dei due Barber Shop di Abbiategrasso e Magenta era preoccupato di dover forse annullare i quasi 120 appuntamenti già fissati per questi giorni…). Ma va’ a capire perché i parrucchieri sì e chi vende abbigliamento o qualunque altra merce invece no.


Marco Aziani - “Ordine e Libertà” (ogni venerdì nelle edicole)



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net