Banner

Dopo 32 anni il comandante De Vecchi lascia Robecco per i Fontanili: motivi personali, ma lì batterà per sempre il suo cuore

http://www.bianews.it/img/GDeVecchi copia.jpg



Articolo del: 06/11/2020 09:06:32

A breve assumerà un nuovo incarico presso il prestigioso corpo di polizia locale “I Fontanili” con sede a Gaggiano, ma un pezzo di cuore del comandante Luca De Vecchi resterà sempre a Robecco. Non può che essere così dopo 32 anni di servizio, gli ultimi 18 dei quali vissuti da “timoniere”.
«Sono stupito e commosso dalle attestazioni di gratitudine e di affetto che mi stanno arrivando in queste ore - commenta lo stesso De Vecchi - Da quando infatti la procedura per la ricerca di un nuovo comandante è apparsa sul sito del Comune, la notizia del mio imminente trasferimento è diventata di dominio pubblico. Si tratta di una scelta ponderata e assunta ormai qualche anno fa, che si è potuta concretizzare solo ora con l’apertura di una posizione nell’organico dei Fontanili. Non so ancora di preciso quale sarà la mia mansione, ma come ufficiale sarò a disposizione offrendo l’esperienza maturata in questi 32 anni di servizio».
La decisione di lasciare il paese per una nuova avventura è legata essenzialmente a ragioni personali, così come racconta il graduato. «Negli ultimi anni il lavoro dell’agente di polizia locale è cambiato parecchio. Il fatto di ritrovarsi a capo di un settore così delicato finisce inevitabilmente per investirti di una grande responsabilità: saltano tutti gli schemi, non esistono più orari, soprattutto se operi in un piccolo Comune e ti ritrovi a fare (quasi) tutto da solo. Siamo sommersi dalla burocrazia e devo dire che alla lunga questo ritmo rischia di diventare insostenibile. Amo il mio mestiere, ma è giunto il momento di pensare anche un po’ di più a me».
Tra i tanti ringraziamenti giunti al comandante ce n’è uno che lo ha particolarmente sorpreso e anche un po’ commosso: «Un ormai ex ragazzo mi ha scritto: “Con i tuoi consigli sono diventato grande”. Mai avrei pensato di essere stato così importante per questa comunità, nonostante abbia sempre cercato di operare con impegno, dedizione e rispetto».
Di aneddoti da raccontare ce ne sarebbero mille, a cominciare dal legame che si era venuto a creare con un gruppetto di giovani affidati al Comune per lo svolgimento del servizio civile: «Erano gli anni 2004/2005 - ricorda De Vecchi - e alcuni di questi ragazzi erano stati assegnati di supporto ai nostri uffici. Un’esperienza istruttiva per loro che ebbero così la possibilità di vedere da dentro come funziona la macchina comunale. Furono loro stessi a dirmi: Non credevamo che ai vigili fosse richiesto di occuparsi di tutti questi aspetti…». Una mattina poi, era l’alba della fiera di San Majolo, me li ritrovai lì sul posto alle 5 pronti per montare i gazebo. Rimasi veramente colpito da questo loro gesto».
Il comandante vuole cogliere l’occasione per ringraziare tutti i cittadini della loro vicinanza e della loro amicizia: «Grazie anche all’attuale amministrazione per avermi concesso di intraprendere questa nuova esperienza -puntualizza Luca De Vecchi - senza nulla togliere alla sindaca Fortunata Barni, non posso esimermi dal ricordare il primo cittadino Beniamino Merlo (scomparso nel 2007) dal quale ho imparato tanto, persino ad essere un po’ più diplomatico».
Intanto il Comune ha aperto la procedura per la selezione del nuovo comandante, che si chiuderà il 23 novembre: «Voglio tranquillizzare tutti gli abitanti che non sarò effettivamente trasferito prima del passaggio di consegne con il mio successore, consapevole del fatto - conclude De Vecchi- che i veri legami instaurati in questi anni sono indissolubili».    


Eleonora Aziani ("Ordine e Libertà") - ogni venerdì nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net