Banner

«Macché 50 per cento! Sono su schiacciata tra la gente...». La frase della capotreno al telefono vale come un'autodenuncia di Trenord

http://www.bianews.it/img/Galpendolarnonfarsapere.jpg



Articolo del: 24/11/2020 07:52:12

«Macché 50 per ceno! Sono su schiacciata tra la gente…». La frase l’ha pronunciata poco fa al telefono una capotreno “prigioniera” (insieme a tutti gli altri viaggiatori, ovvero i pendolari della Milano-Mortara) del treno delle 7.15 da Abbiategrasso per Milano Porta Genova, talmente pieno da avere obbligato un bel gruppo di persone a rimanere sulla banchina della stazione ferroviaria abbiatense in attesa del successivo, o per meglio dire in attesa di miglior fortuna.
La frase è stata sentita distintamente da alcuni pendolari abbiatensi che si trovavano nelle medesime condizioni della capotreno, a poca distanza, e che si sono affrettati a riportarcela a dimostrazione lampante di una situazione insostenibile di assenza di tutele per la loro salute.
All’origine dell’ennesima mattina difficile e soprattutto dell’enesima violazione delle norme sul distanziamento che Trenord evidentemente non è in grado di garantire agli utenti della Milano-Mortara, la cancellazione del treno precedente che avrebbe dovuto transitare da Abbiategrasso alle 6.54. Motivo annunciato sul sito di Trenord alle 6.38: «Un intervento del soccorso sanitario per l’assistenza a un viaggiatore sta causando la sosta prolungata del treno 10504 (Mortara 6.33 - Milano Porta Genova 7.18) nella stazione di Mortara. Seguiranno aggiornamenti».
Ma prima degli aggiornamenti è arrivato il treno delle 7.15 e logicamente chi era già da 20 minuti buoni in attesa di poter partire per Milano ci è salito sopra, nel limite del possibile. Con le conseguenze che abbiamo descritto e che la frase della capotreno sintetizza in modo inequivocabile. È di ieri sera intanto la notizia che la nostra linea ferroviaria è posizionata tra le ultime 5 sulle 42 totali della Lombardia come efficienza del servizio. Tutte cosa che richiedono che gli amministratori locali (di Abbiategrasso e Mortara insieme ai neoeletto sindaco di Vigevano) tornino all’attacco con atti formali nei confronti di Trenord e di Regione Lombardia, senza perdere altro tempo.
Marco Aziani (“Ordine e Libertà” - servizio sull’edizione da venerdì 30 novembre nelle edicole)



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net